mail unicampaniaunicampania webcerca

    Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza

    Durata: 5 anni

    Classe: LMG/01 - Classe delle lauree magistrali in giurisprudenza

    Sede: SANTA MARIA CAPUA VETERE, Pal. Melzi v. Mazzocchi 68; Aulario, v. Perla

    Tipo di accesso: accesso libero

    Presidente del CdS: Prof.ssa Maria Chiara VITUCCI

     

      ISCRIVITI

     

      Piano di studi

      Propedeuticità

      Orario Lezioni

      Sedute d'Esame

      Sedute di Laurea 

      Insegnamenti

      Qualità della didattica

     

    Obiettivi formativi e sbocchi occupazionali

    Obiettivi formativi 
    Il Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza, di durata quinquennale, mira a fornire un’approfondita preparazione nelle materie giuridiche e a sviluppare una provatacapacità di interpretazione e applicazione degli istituti giuridici. Tale obiettivo è perseguito attraverso lo studio di attività formative nei principali saperi afferenti all’area giuridica, in particolare negli ambiti storico-giuridico, filosofico-giuridico, privatistico, costituzionalistico, penalistico, commercialistico, laburistico, economico e pubblicistico, comparatistico, europeo, amministrativistico, internazionalistico, processualcivilistico e processualpenalistico; inoltre, specifiche attività formative sono rivolte all’acquisizione anche di adeguate conoscenze economiche e linguistiche.
    La distribuzione degli insegnamenti nelle cinque annualità del corso tiene conto dell’esigenza di una progressiva costruzione della formazione culturale del giurista; a partire dall’a.a. 2014/2015, è attivata una nuova organizzazione del percorso formativo, nel cui ambito gli insegnamenti (relativi alle attività di base e caratterizzanti, alle altre attività formative e a quelle a scelta dello studente) sono collocati secondo un’articolazione didattica che, anche attraverso la previsione dettagliata nel Manifesto degli studi delle propedeuticità da rispettare, consente di innestare su una primaria preparazione di base un arricchimento ed un approfondimento delle specifiche conoscenze qualificanti.
    Il conseguimento della laurea magistrale in Giurisprudenza (integrato da successivi percorsi di praticantato, di specializzazione, di perfezionamento e concorsuali che siano di volta in volta richiesti) consente l’accesso alle tradizionali professioni legali di Avvocato, Magistrato e Notaio, nonché a molteplici figure professionali - nei vari campi di attività sociale, socio-economica e politica, ovvero nelle pubbliche amministrazioni, nelle imprese private, nei sindacati, e nelle Istituzioni internazionali e comunitarie (giurista europeo) –, tutte caratterizzate da elevate responsabilità e capacità di gestione delle conoscenze giuridiche, pur nella diversità dei ruoli professionali nell’ambito dello specifico contesto di lavoro.
    Sbocchi occupazionali
    Il conseguimento della laurea magistrale in Giurisprudenza, integrato da successivi percorsi di praticantato, di  specializzazione, di perfezionamento e concorsuali, che siano di volta in volta richiesti, consente l'accesso a molteplici figure professionali che si caratterizzano tutte per una elevata capacità di gestire le conoscenze giuridiche, pur nella diversità dei ruoli professionali nell'ambito dello specifico contesto di lavoro.
    Figura professionale: Avvocato

    La professione forense, cui si accede previo svolgimento di 18 mesi di pratica forense e superamento dello specifico esame
    di Stato, si sostanzia nella attività di tutela degli interessi di persone fisiche e giuridiche nelle procedure legali e nei diversi
    gradi dei processi penali, civili e amministrativi, nonché nelle giurisdizioni speciali. L'avvocato, inoltre, redige atti giudiziari,
    contratti e pareri; fornisce consulenza e assistenza legale, giudiziale e stragiudiziale; svolge funzione di arbitro. Se in
    possesso dei requisiti richiesti, può essere nominato giudice onorario e svolgere la funzione di giudice di pace, può essere
    nominato curatore fallimentare, custode giudiziario nonché delegato alle vendite giudiziarie.


    Figura professionale: Magistrato
    Il Magistrato, alla cui carriera si accede previo superamento di un concorso nazionale, amministra la giustizia penale, civile,
    amministrativa e delle giurisdizioni speciali nei diversi gradi del processo; accerta le condizioni dell'azione penale e la
    esercita; svolge e coordina attività investigative; vigila sulle carceri; controlla la liceità e la congruenza alle leggi e ai
    regolamenti della spesa pubblica.


    Figura professionale: Notaio
    Il Notaio, alla cui professione si accede a seguito dello svolgimento di un periodo di 18 mesi di pratica notarile e del
    superamento dello specifico concorso nazionale, riceve e predispone atti tra persone in vita e atti di ultima volontà; svolge
    funzioni di pubblico ufficiale, attribuendo pubblica fede agli atti che riceve e redige; registra e trascrive atti giuridici nei pubblici
    registri, li conserva, li autentica, ne rilascia copia, estratti e certificazioni; accerta la legalità dei contenuti oggetto degli atti
    giuridici; pone in essere accertamenti ipotecari, catastali, ecc.; fornisce consulenze specialistiche.


    Figura professionale: Esperto legale in impresa (giurista d'impresa)
    L'esperto legale in impresa si occupa della gestione e coordinamento delle attività dell'ufficio legale; predispone documenti,
    contratti e altri atti giuridici; cura gli aspetti legali propri delle attività d'impresa (quali, ad esempio, recupero crediti, supporto
    all'attività amministrativa, verifica della conformità delle procedure adottate alle norme giuridiche, ecc.); fornisce consulenza
    legale; rappresenta e tutela gli interessi dell'impresa nelle procedure legali, nei diversi gradi dei processi penali, civili ed
    amministrativi; gestisce i rapporti di natura giuridica con enti o soggetti esterni.


    Figura professionale: Esperto legale in enti pubblici
    L'esperto legale in enti pubblici si occupa della gestione e coordinamento delle attività dell'ufficio legale; predispone
    documenti, contratti e altri atti giuridici; cura gli aspetti legali propri delle attività degli enti pubblici; fornisce consulenza legale;
    rappresenta e tutela gli interessi degli enti nelle procedure legali, nei diversi gradi dei processi penali, civili ed amministrativi;
    gestisce i rapporti di natura giuridica con enti o soggetti esterni, quali, ad esempio, Avvocatura dello Stato, Tribunali, ecc.


    Figura professionale : Specialista della gestione e del controllo nella pubblica amministrazione
    Lo Specialista della gestione e del controllo nella pubblica amministrazione coordina le attività degli uffici dell'amministrazione
    statale e locale, degli uffici di pubblica sicurezza, di polizia tributaria e di protezione civile, delle aziende autonome, delle
    Università, degli Enti di Ricerca e del Servizio Sanitario Nazionale; verifica, controlla e fornisce assistenza in merito alla
    corretta applicazione delle leggi e dei regolamenti dello Stato, sia da parte della popolazione interessata che da parte della
    stessa amministrazione pubblica; elabora proposte e pareri ai dirigenti da cui funzionalmente dipende; gestisce l'attuazione
    dei progetti, delle attività amministrative e delle procedure che gli sono affidate; coordina le attività del personale subordinato;
    attiva strategie di prevenzione dei reati, di ricerca e denuncia delle evasioni e delle violazioni finanziarie, di vigilanza
    sull'adempimento delle disposizioni di interesse politico-economico, di polizia finanziaria e doganale, di mantenimento
    dell'ordine, della sicurezza pubblica e delle frontiere.


    Figura professionale: Ricercatori e Professori universitari nelle scienze giuridiche
    Le figure professionali incluse in questa unità si occupano dell'attività di ricerca in ambito accademico, svolgendo studi di
    carattere teorico e/o pratico finalizzati a meglio comprendere e gestire il dinamico rapporto tra norme e società, a proporre
    idonee soluzioni interpretative de jure condito e de jure condendo. Svolgono attività didattiche e curricolari, seguono il
    percorso formativo degli studenti, svolgono attività seminariali.

     
    Percorsi internazionali per il conseguimento di un doppio titolo di laurea
    A partire dall’anno accademico 2016/2017, agli iscritti al corso di studio per la laurea magistrale in Giurisprudenza del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli studi della Campania “Luigi Vanvitelli” è offerta una nuova importante opportunità: per effetto di accordi internazionali con le specifiche Università straniere, gli studenti che scelgano questi specifici piani di studio potranno conseguire il doppio titolo (rilasciato dall’Università della Campania “Luigi Vanvitelli” e dall’Università straniera convenzionata), ottenendo una laurea in Giurisprudenza che avrà valore legale nei due Paesi, in Italia nel paese in cui hanno sede le Università legate dall’accordo.
    In particolare, per l'a.a. 2019/2020 sono resi operativi gli Accordi di collaborazione tra l'Università degli studi della Campania “Luigi Vanvitelli” e l’Università di São Caetano do Sul (Brasile) e l’Università di Castilla-La Mancha.
    Gli studenti del Corso di studio in Giurisprudenza che facciano opzione per uno dei due specifici percorsi formativi, potranno conseguire un doppio diploma, rilasciato dalla Università degli studi della Campania “Luigi Vanvitelli” e dalla Università straniera convenzionata, con valore legale nei due Paesi in cui hanno sede le Università legate dall’accordo, quindi Italia/Brasile o Italia/Spagna.
    Coloro che opteranno per il piano di studio in convenzione con l’Università spagnola di Castilla-La Mancha, la laurea in Giurisprudenza sarà riconosciuta in Italia e in Spagna e, in quest’ultimo Paese, sarà titolo valido per l’iscrizione al master in Avocacìa.

     

    facebook logoinstagram buttonyoutube logotype